Angurie & ibs

Di tutte le condizioni che interessano il tratto gastrointestinale, IBS o sindrome dell’intestino irritabile, è la più comune e colpisce tra il 10 e il 15 per cento della popolazione. I sintomi possono variare tra lieve, moderata e grave e includono costipazione, diarrea, flatulenza, distensione addominale, disagio, dolore e crampi. Se hai IBS, probabilmente noterai che alcuni alimenti, forse anguria, innescano questi sintomi.

L’anguria contiene tre diversi carboidrati fermentabili a catena corta: fruttosio, fruttani e poliolo. Il fruttosio è lo zucchero naturale trovato nei frutti, in cui i fruttani sono in realtà una molecola fatta di una catena di fruttosio trovata in alcuni frutti, verdure, frumento e noci. Il poliolo è uno zucchero-alcool familiare, compreso il sorbitolo e il mannitolo, che si trova anche in alcuni frutti e in prodotti senza zucchero. L’anguria non è l’unico frutto che contiene questi zuccheri problematici: mele, pere, more, mango, ciliegie e prugne potrebbero anche essere problematiche per voi.

L’eccesso di fruttosio combinato con i fruttani e il poliolo trovato nell’anguria sono poco assorbiti in alcune persone, che provoca la loro fermentazione nei vostri intestini, causando gas, distensione, dolore, diarrea o costipazione. Molti pazienti affetti da IBS non tollerano molto questi zuccheri e eliminarli dalla loro dieta possono aiutare a alleviare i sintomi dell’IBS nel 75 per cento delle persone che si occupano di IBS. Consulta un dietologo registrato con esperienza in questo settore per aiutare a pianificare una dieta equilibrata, eliminando tutti i carboidrati fermentabili a catena corta.

Se si sospetta di avere un’intolleranza all’anguria, chiedere al medico di fare un test di respirazione a idrogeno per essere diagnosticato con il malassorbimento di fruttosio e sorbitolo. Nessun test è disponibile per testare il malassorbimento fruttano. I test devono essere eseguiti in giorni separati. Questo test consiste nell’ingestione di una quantità specifica di fruttosio o sorbitolo e quindi il respiro analizzato ogni 30 minuti per due o tre ore. Se si riscontrano elevati livelli di idrogeno nel tuo respiro, il che indica che la fermentazione di questi zuccheri sta avvenendo nel tuo intestino, sarete diagnosticata con il malassorbimento di fruttosio o sorbitolo o entrambi.

Se si sospetta che i carboidrati fermentabili a catena corta, come quelli che si trovano nell’anguria, contribuiscono ai vostri sintomi di IBS, sostituiscono i frutti ad alto contenuto di fruttosio, fruttani e polioli con alternative alternative di frutta più sicure. Banana, mirtillo, cantalupo, uva, kiwi, arancia e fragola sono frutti più sicuri che si possono gustare in piccole quantità. Evitare grandi quantità di frutta, anche se considerate sicure, nonché i loro succhi e la loro versione asciutta in quanto potrebbero sovraccaricare la capacità di gestire il fruttosio e altri di questi zuccheri problematici.

Fruttosio, fruttani e poliolo

Fruttosio e malassorbimento di sorbitolo

Diagnosi

Meno frutti problematici